caduta-dei-capelli-geni-coinvolti

Caduta dei capelli: sono 287 i geni coinvolti

Negli ultimi anni sono stati fatti grandi passi in avanti in merito alla comprensione delle cause della caduta dei capelli. Uno studio portato a termine nel 2016 dal dipartimento di Cognitive Ageing and Cognitive Epidemiology dell’Università di Edimburgo e pubblicato l’anno seguente sulla rivista Plos Genetics, ha dimostrato che la calvizie è un fenomeno estremamente più complesso di quanto si possa ritenere.

Fino a non molto tempo fa, infatti, si era convinti che la caduta dei capelli fosse in larga parte determinata da una manciata di geni. Ebbene, la ricerca scozzese ha invece dimostrato che a indicare la predisposizione alla calvizie ci sono ben 287 diverse sequenze di DNA.

Come si è arrivati ad un tale conclusione? Per individuare i cromosomi coinvolti sono stati presi in considerazione i dati relativi a ben 52.874 soggetti di sesso maschile: l’età media del campione è stata di 57 anni. Partendo da un così largo numero di partecipanti, lo studio ha potuto abbozzare una formula in grado di predire, a partire dall’analisi genetica, le probabilità di una persona di perdere effettivamente i capelli. La presenza dei marcatori genetici individuati dai ricercatori dell’Università di Edimburgo, infatti, sembra poter fornire risultati concreti.

Di certo una tale scoperta può portare a grandi passi avanti nella lotta alla calvizie, un problema che coinvolge tra il 70 e l’80% degli uomini al di sotto degli 80 anni. E la perdita dei capelli – soprattutto quella precoce, ma non solo – ha, come è noto, delle conseguenze psicologiche e sociali non indifferenti.

Sono dunque diverse le ragioni per le quali la perdita dei capelli non deve essere trascurata, con opportune visite tricologiche e con l’utilizzo di prodotti tesi a rinforzare i capelli.

Lo studio dell’Università di Edimburgo, tra l’altro, non si è limitato a individuare i geni che provocano la perdita dei capelli: ha inoltre specificato la provenienza di questi che per la maggior parte sono contenuti nel cromosoma X, un cromosoma che gli uomini ereditano dalla madre. Stando a questa ricerca, dunque, la calvizie è determinata maggiormente proprio dai geni materni.

Per ora non si può ancora parlare di un test del DNA attendibile al 100%, ma quel che è certo è che questo studio ha aiutato i ricercatori di tutto il mondo a conoscere meglio le cause genetiche della calvizie.

Da più di 25 anni la Ricerca Anticaduta Giuliani si occupa di individuare soluzioni all’avanguardia per contrastare la caduta dei capelli: la linea Bioscalin Energy è stata appositamente studiata per salvaguardare i capelli dell’uomo, grazie a integratori, shampoo mirati e fiale anticaduta. Talvolta però, anche le donne hanno bisogno di un aiuto in più per mantenere voluminosa e corposa la propria chioma, e per questo Bioscalin propone anche la linea TricoAGE 45+, ideata per combattere i segni del tempo, anche sui capelli delle donne al di sopra dei 45 anni.

4 ottobre 2018 Categories: Conosci le tue passioni
share TWEET PIN IT SHARE share share

Entra nella nostra community per ricevere
offerte e consigli per prenderti cura dei tuoi capelli!